Game “Paura” Over

landscape-wallpaper-hd-38

Nota di RaggioDiLuceVerde: “Vorrei sottoporvi questo post della mia amica Teonoe. Credo che dati i tempi che corrono sia molto interessante. Buona lettura.”

“La tecnica della paura sta contando i suoi ultimi giorni, ci si è spinti troppo avanti, siamo stanchi di avere paura e soprattutto abbiamo capito che rimanere nella paura non ci protegge affatto, ci blocca e quando si sta fermi le condizioni inevitabilmente peggiorano. La paura non ci spaventa più ne abbiamo provata troppa e per troppo tempo siamo rimasti chiusi nelle nostre tane al buio per non uscire allo scoperto, tutto questo è inutile anzi controproducente. Ora ci sono nuove spinte che vengono da noi stessi, spinte ad uscire, la paura non ha permesso a nessuno di stare meglio allora dobbiamo necessariamente ricorrere ad altre forze che sono dentro di noi e che si stanno facendo sentire, ognuno ha qualcosa da sistemare, qualcosa di urgente che avrebbe dovuto sistemare tanto tempo fa ma che per paura o distrazione ha lasciato da parte, ricominciamo da lì. Ricominciamo proprio da ciò che ci sembra invariabile nel tempo, da ciò che abbiamo lasciato tale e quale perché la rassegnazione ha preso il sopravvento, ora c’è la possibilità di modificarlo, la rassegnazione non è altro che un sottoprodotto di pessima qualità della paura, non può avere la meglio sulle nostre qualità. L’esperienza ormai l’abbiamo fatta, sappiamo come ci si sente quando la rassegnazione vince su tutto e anche in questo caso non ci sentiamo affatto meglio, regna quella calma piatta che ricorda un ristagno, non c’è posto per i ristagni nella nostra vita e nessuna proliferazione di sensazioni derivanti dal ristagno ci può indicare una via di realizzazione allora si può cambiare tutto, poco alla volta, niente è destinato a rimanere com’è . Sulla base di questo concetto possiamo goderci il bello prima che si trasformi e resistere alle bruttezze o accoglierle ma sempre temporaneamente perché tutto è in trasformazione! Questo periodo storico ci indica un crollo, una decadenza ma questo non è sinonimo di arresto di un processo di crescita come erroneamente viene indicato dai mezzi di comunicazione, è un crollo necessario per continuare il processo di crescita, ovvio che la crescita che intendo io non è una semplicemente economica ma è molto più ampia e soprattutto guidata da un’inarrestabile evoluzione. La materialità la seguirà a ruota, per cui potremo essere materialmente ed economicamente più poveri ma molto più evoluti se questo è il passaggio da fare, perdendo beni materiali magari riusciremo a guadagnare miglioramenti nei rapporti umani, non c’è mai una perdita senza un guadagno, è una bilancia che si mantiene in equilibrio se non facciamo arrugginire l’ingranaggio che la tiene in funzione. C’è bisogno di incoraggiamento, anche in questo periodo di distruzione si può riuscire a mettere in campo un proprio progetto, bisogna provarci, vorrei dire che abbiamo le stesse probabilità di successo ora rispetto ad un altro periodo che percepiamo di crescita ma non è così: mettere in campo un progetto adesso con la nuova consapevolezza ha più probabilità di riuscita di qualsiasi altro progetto messo in campo in altri periodi passati, adesso è più difficile sintonizzarsi col nuovo e chi ci riesce avrà l’Universo dalla sua parte che lo assiste in tutto. Creiamo progetti che aprano il cuore delle persone, che abbiano largo respiro, basta con le attività nate per fare soldi e per essere ricchi e potenti, noi siamo migliori, noi possiamo fare molto di più in questa vita che riempirci le tasche di banconote che poi non sappiamo come utilizzare per riempire il nostro vuoto interiore…questo è il periodo in cui i soldi arriveranno a chi riesce a dare un valore aggiunto al sistema di cui fa parte e in cui il profitto non è più lo scopo perché all’aumento del profitto seguirà automaticamente un aumento della distribuzione e degli investimenti per dare lunga vita ad un’attività che funziona e di cui possano beneficiare più persone possibile”

Non è facile, il tema soldi è qualcosa che incastra tutti e pensare che finalmente crolleranno economicamente i sistemi  che arricchiscono pochi avidi a scapito di tutto il resto mi riesce molto difficile

“È una legge universale di sopravvivenza, non si può permettere a pochi avidi di far estinguere il genere umano”

Finora ha funzionato così

“Ora c’è una nuova consapevolezza quella dell’unione e della salvaguardia di tutto il sistema …molte sono le iniziative rivolte a questo e verranno assistite e fornite dei mezzi necessari per progredire almeno finchè verranno gestite con le stesse intenzioni con cui sono nate”

È l’intenzione che fa la differenza??

“L’intenzione, l’attenzione e il rispetto, queste sono le basi da cui si parte per esprimere l’amore divino di cui siamo fatti”. AM

Link originale: https://ilbivioeilno.wordpress.com/2016/04/19/game-paura-over/#more-89

Questa voce è stata pubblicata in AA Michael. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Game “Paura” Over

  1. giorgiobardelle ha detto:

    gabyfoto@libero.it 

    Inviato da smartphone Samsung Galaxy.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...