Resa dei conti 1.0

Fonte:http://www.iconicon.it/blog/2012/07/resa-dei-conti-1-0/

Ci siamo. Si apre il primo atto della resa dei conti. E questi sono conti avvolti nella più blindata segretezza di tutti i tempi. Una rapida scorsa a questo articolo e capiremo come i fatti di questi ultimi giorni aprano una stagione di rivelazioni particolarmente dense non più sui media di nicchia ma sul Mainstream. Qui abbiamo testate di larga diffusione come Forbes o come Der Spiegel che a proposito della banca del Vaticano parlano apertamente di riciclaggio del denaro sporco, di operazioni connesse con mafie e multinazionali.

In uno degli scorsi post Cobra in 2012portal ci ha detto che quello che traspare esternamente al pubblico riguardo alle tensioni interne al Vaticano è l’1% della tempesta che sta davvero squassando il suo interno e che viene tenuta ad ogni costo coperta fino al punto in cui nello scoppio inevitabile qualcuno ne pagherà pesantemente le spese.

Intanto Jamie Dimon, Ceo di JP Morgan, ha chiesto udienza privata al Papa. Non certo per parlare di argomenti spirituali.

Jervé

http://tinyurl.com/7aync57

Coinvolta in un altro scandalo finanziario di pertinenza del riciclaggio del denaro, la banca vaticana è stata chiamata da Forbes il “la banca più segreta del mondo” e si affaccia il controllo internazionale nel suo modello di banca altamente segreta. Anche se i dettagli sono ancora limitati per il pubblico, è chiaro che la banca vaticana si trova ad affrontare la pressione da parte di funzionari italiani ed europei sulle sue Operazioni Interne. In breve, la banca ha riciclato miliardi di dollari. Ha avuto aiuto, naturalmente, nella rete profondamente intrecciata dell’alta finanza, e nientemeno che banca americana JPMorgan ha spalleggiato operazioni altamente sospette, anche se la banca non è ancora stato accusata di riciclaggio in sé. Anche se questo è un gioco da ragazzi, considerando i conti la che banca ha ospitato per il Vaticano.

Questa parte della storia inizia quando Gotti Tedeschi, ormai ex capo della Banca Vaticana, è stato fermato da quattro uomini che lo attendevano in strada mentre si stava recando al lavoro. Erano investigatori di una forza nazionale, la polizia militare dei Carabinieri d’Italia. Prima che avesse raggiunto la sua auto, gli avevano servito un mandato di perquisizione. Lo hanno scortato a casa sua, dove per molte ore hanno cercato nel suo studio. Contemporaneamente la forza di polizia militare era alla ricerca nell’ufficio di Gotti Tedeschi a Milano. Hanno confiscato due computer, completi di due schedari di fascicoli, un planner e la sua ventiquattrore. I documenti sono stati confiscati a Gotti Tedeschi, che un tempo era confidente del papa, “secondo le condizioni italiane di applicazione della legge, e in merito a visionare il funzionamento più interno della banca vaticana.”

Secondo il tedesco Der Spiegel :

Il dossier segreto contiene riferimenti a conti cifrati anonimi e operazioni discutibili così come scritti e alle comunicazioni elettroniche riferito che mostra come i funzionari bancari della Chiesa hanno aggirato normative europee volte a combattere il riciclaggio del denaro.

Tedeschi è stato messo sotto pressione da funzionari di alto livello del Vaticano per la sua gestione della banca vaticana. Stava spingendo verso un modello più trasparente di quanto l’istituzione del Vaticano poteva consentire. In breve, egli ha turbato potenti forze all’interno della Curia Romana, l’apparato amministrativo e giudiziario del Vaticano. Dove quindi?

La banca, ufficialmente chiamata Istituto per le Opere di Religione (IOR), ha funzionato per secoli come una società fiduciaria “per transazioni monetarie clandestine.” La banca non è stata utilizzata solo dalla Chiesa, ma anche dalla mafia, dai politici corrotti e dalle multinazionali. In uno degli appunti sequestrati a Tedeschi presumibilmente si legge: “Ho visto cose in Vaticano che mi spaventano”.

In una corrispondenza del 22 maggio scorso da un membro del consiglio di sorveglianza della banca al Segretariato di Stato vaticano si legge che la banca vaticana è attualmente “in una posizione estremamente fragile e precaria.” La situazione, si legge nella nota, aveva ormai raggiunto in quella data “un punto di pericolo imminente. “

Mercoledì, 4 luglio, esperti del Consiglio d’Europa in riciclaggio di denaro si sono preparati a presentare una relazione preliminare sul Vaticano a Strasburgo. Il gruppo è probabile che indichi, molto probabilmente un modo vago e rassegnato, che lo IOR ha apparentemente fatto passi insufficienti contro il riciclaggio di denaro. Oppure, la commissione sarà comprata all’ingrosso e presenterà una recensione entusiastica della banca, in modo da riportare in “white-list” la banca vaticana.

Il fatto che la banca abbia tenuto i conti nascosti alle autorità italiane, comporta dubbio per l’inclusione nella cosiddetta ”lista bianca” dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che annovera istituzioni finanziarie per cui non esiste il sospetto di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. Gotti Tedeschi a quanto pare si lamentò: “Se andiamo avanti così non saremo mai fuori dalla lista nera.”

Der Spiegel continua dicendo:

La leadership del Vaticano è allarmata. Arcivescovi e cardinali non sono affatto entusiasti del fatto che i funzionari italiani sono ora a rovistare nei loro affari segreti. Il portavoce papale Federico Lombardi ha apertamente minacciato le istituzioni italiane che tutelano la legge e ha esortato a rispettare gentilmente “i diritti sovrani della Santa Sede.” In altre parole, egli ritiene che tutti i documenti, comprese le informazioni riservate riguardanti la banca vaticana che sono state sequestrate nel corso del ricerca a casa di Gotti Tedeschi non dovrebbe essere nelle mani di investigatori italiani.

L’incidente, quando si guarda attraverso una episteme storico, non dovrebbe sorprendere per nulla, dato che per più di 40 anni, lo IOR (fondato nel 1942) è spesso stato coinvolto in scandali, di corruzione, denaro in campagne politiche, riciclaggio di denaro della mafia e conti anonimi. Per quasi 20 secoli prima che lo stesso era vero.

Molte persone bloccate nel mezzo del commercio illegale con la banca vaticana sono state uccise. Altri hanno trascorso molti anni dietro le sbarre. Cavalcando le falde della storia, il Vaticano rimane un pozzo nero di riciclaggio di denaro sporco. Il modus operandi della banca è quello di rimanere avvolta nel mistero, mantenendo tutto il possibile al riparo dalla luce pubblica. Alla banca, molte volte l’anonimato è stato garantito, e così le plusvalenze che vanno tassate, come pure il bilancio mantenuto riservato.

La banca ha sede all’interno di una torre difensiva medievale chiamata di Niccolò V. Si trova a ridosso del Palazzo Apostolico, residenza ufficiale del papa. Il record, per un totale di 33.000 conti di 7,6 miliardi dollari soggiornano presso la banca. Il beneficiario diretto è il papa e la Chiesa. Ufficialmente, ha registrato un utile nel 2010 per la banca sono stati 55 milioni di euro. Queste sono solo stime, il Vaticano non ha ancora rilasciato le sue pratiche commerciali di decenni.

“C’è il timore che, a causa della necessaria trasparenza di oggi, si troverà qualcosa del passato che non si vuole che emerga”, spiega Marco Politi, uno degli esperti del Vaticano con sede a Roma.

In altre parole, non è più in corso presso la banca al di là della matrice già scoperto dei conti e società fantasma shell scoperto come arcivescovo Paul Casimir Marcinkus era la sua testa nel 1980. Allora la banca è stata coinvolta in valuta estera e le armi con il banchiere milanese Roberto Calvi, nonché finanziatore della mafia Michele Sidona. La banca ha contribuito a riciclare i profitti illeciti della mafia effettuati tramite il traffico di droga. Tangenti sono state pagate al cristiano-conservatori italiani.

Calvi fu trovato impiccato sotto il Blackfriars Bridge di Londra. Il suo segretario privato, alla sua morte cadde dalla finestra del suo Banco Ambrosiano. Nel 1986, quattro anni più tardi, Sindona fu trovato morto in prigione dopo un espresso al cianuro giunto la mattina. La banca ha continuato le sue attività di riciclaggio.Su base settimanale, valigie sono stati portate in Vaticano piene di “donazioni” delle aziende italiane di contante e titoli. L’origine del denaro sarebbe stato nascosto usando i conti con i numeri, come il 001-3-14773-C, che era di proprietà della inesistente “Fondazione Cardinale Spellman”.

Tre anni fa, 4.000 documenti sono venuti alla luce. Erano stati accumulati e nascosto dal esperto finanziario del Vaticano Renato Dardozzi prima della sua morte nel 2003. Nel suo testamento Dardozzi ha scritto: “Questi documenti devono essere pubblicati in modo che tutti possano imparare quanto è successo qui”.

Nel 2009, l’anno in cui Gotti Tedeschi è stato assunto come presidente dello IOR, la banca ha aperto un conto presso la filiale milanese di JPMorgan Chase. Secondo Spiegel:

Da quel momento in poi, milioni hanno iniziato a fluire su una base quasi giornaliera dalle sede di Milano di JPMorgan a quello di Francoforte, dove lo Ior aveva anche un conto di JPMorgan. Funzionari del Vaticano hanno optato per un conto speciale a Milano con il numero 1365, un cosiddetto “conto impianti sweep,” che è stato automaticamente azzerato alla fine di ogni giornata. La banca vaticana ha confermato l’esistenza di questo conto la scorsa settimana, anche se ha detto che è stato utilizzato principalmente per la gestione di transazioni in titoli.

Il conto finanziario avrebbe presumibilmente trattato oltre un miliardo di euro per la banca vaticana in qualsiasi periodo dell’anno scorso. Gli investigatori italiani sospettano che il conto sia stato utilizzato per riciclare fondi provenienti da “fonti dubbie.” Secondo le severe leggi anti-riciclaggio di denaro a cui si suppone gli istituti finanziari che si atterranno, JPMorgan dovrebbe essere considerato un principale sospettato in massicce operazioni di riciclaggio in Europa, centrate sulla banca vaticana. Considerando il record palese accumulato dal Vaticano – è commercio fraudolento e illegale – JPMorgan ha lavorato come uno dei banchieri del papa senza alcun riguardo per l’azzardo morale. Fino a quando JPMorgan non è stata sorpresa “nuda a letto con il papa”, impegnata nei trasferimenti massicci e illegali, la banca non ha iniziato a scrutare accuratamente i rapporti finanziari del Vaticano con cui trattava come complice. A questo punto, la corrente principale dei media si è concentrata genericamente sulle ombre del Vaticano – una storia vecchia, letteralmente – e non direttamente sui crimini finanziari in cui JPMorgan era implicata.

I trasferimenti non è venuto con le informazioni relative ai titolari dei conti o gli scopi per i trasferimenti. Di tale importo, 20 milioni di sterline a quanto pare si stava dirigendo a JPMorgan conto del Vaticano a Francoforte.Gli altri 3 milioni di euro sono stati in direzione di un conto presso una banca differente a Roma.

I procuratori a Roma hanno congelato i fondi. Le indagini seguite Tedeschi implicare, per esempio, a violare norme anti-riciclaggio di denaro. Poi, JPMorgan balzò in azione in ritardo, e “cominciato a chiedere i funzionari del Vaticano dove il denaro che era stato regolarmente fluisce attraverso l’account di Milano è stata in realtà provenienti da. Ma non ha ottenuto risposte soddisfacenti. Di conseguenza, la banca ha dato poi lo IOR una classificazione interna come ad alto rischio cliente e iniziato a monitorare le transazioni di indizi che potrebbe costituire il riciclaggio di denaro. “

Alla fine del 2010 Papa Benedetto ha emesso un decreto. La banca vaticana avrebbe di lì in poi rispettat0 le politiche anti-riciclaggio di denaro dell’Unione europea. L’Autorità di informazione finanziaria è entrata in esistenza attraverso questo decreto. Funzionari italiani hanno rilasciato i 23 milioni di euro in fondi IOR congelati.

Tuttavia la tempesta non è stata cancellata. In primo luogo, ci sono presso il Consiglio d’Europa nella sede di Strasburgo esperti di riciclaggio. Il Vaticano ha dovuto far loro studiare le sue operazioni. Una sfilza di altre agenzie di fuori dell’Europa hanno inoltre valutato la banca. Ancora, i procuratori a Roma stanno continuando le loro indagini. Nel mese di ottobre dello scorso anno, hanno chiesto aiuto tedesco per ottenere informazioni relative al conto IOR presso la filiale di JPMorgan a Francoforte. Un giudice di Francoforte, nel mese di novembre, ha annullato la richiesta a causa di “mancanza di prove”.

All’inizio di quest’anno, JPMorgan ha chiuso il conto IOR di trasferimento a Milano. La banca ha scritto che il regolamento anti-riciclaggio di denaro non mette a disposizione “depositi aggiuntivi o prelievi attraverso il conto n ° 1365.” Il Cardinale Segretario di Stato Bertone ha riscritto decreto di Benedetto XVI, ribadendo che il controllo della banca vaticana è consentito solo con il consenso di Bertone stesso. Un documento non datato e anonimo, che, secondo il quotidiano romano Il Fatto Quotidiano, proviene dal “vertice”, ed esiste un “rischio concreto di un downgrade di rating e quindi di una significativa perdita di prestigio della Santa Sede”.

E ‘chiaro ora che JPMorgan è complice nel riciclaggio di denaro in Europa con il Vaticano, e dopo averlo spalleggiato nel riciclaggio bancario di denaro e nella frode, consentendo operazioni passate attraverso la loro istituzione che IRS definisce sospette. La banca, sapendo perfettamente ciò con cui aveva a che fare, è sgusciata fuori dalla sua responsabilità finanziaria e ha messo in crisi il Vaticano attraverso trasferimenti, mai in discussione o ha fatto sì che le transazioni passassero attraverso il controllo finanziario di base. La stampa americana è stata in silenzio, e i 9.000 milioni dollari di perdita delle banche ha preso i titoli dei giornali, una riedizione di una vecchia storia. Nel frattempo, JPMorgan ha condiviso attività illegali e inqualificabili con una delle istituzioni più profondamente radicate nella civiltà, in questo caso con il centro religioso del cattolicesimo, con 20 secoli di vita alle spalle.

Nota di RaggioDiLuceVerde: La bomba a orologeria sta per scoppiare. Quando l’ultima goccia farà traboccare il vaso non ci sarà Arca di Noè che tenga. Cercate di rimanere centrati e di non farvi trasportare dalla rabbia e dal rancore. Sentite nel profondo del vostro cuore che tutto ciò che sta accadendo è necessario per liberare tutte le energie antiche. Tutte le informazioni riguardanti il genere umano saranno rilasciate e conosceremo la Verità su TUTTO. Da adesso in poi impiegate il vostro tempo a progettare la vostra vita dell’ormai prossimo futuro. Tutte le “certezze”, tutti le “credenze” che abbiamo avuto fino ad oggi crolleranno. L’unica vera certezza è che ognuno di noi é Divino, in quanto parte del Creato. Una Scintilla Divina scaturita dall’Amore di Tutto Ciò Che E’.

Che la luce vi accompagni sempre.

RaggioDiLuceVerde

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...