Ufo sul fondo del Mar Baltico: alcune ipotesi

ufo-fondo-mar-baltico.jpg

La storia risale allo scorso 19 giugno, ma la sua eco ancora rimbalza sui siti importanti di informazione e sulle pagine dei blogger di tutto il mondo. C’è uno strano oggetto sul fondo del Mar Baltico che accende la fantasia e le speranze di chi crede che non siamo soli nell’unverso. Di che si tratta? Sono le vestigia di una antica civiltà pre-diluviana scomparsa migliaia di anni fa? E’ un’astronave extraterrestre precipitata nell’oceano? Una formazione naturale o semplicemente un’illusione ottica?

La scoperta

“Eravamo alla ricerca di tesori sommersi nel nord del Mar Baltico. Cercavamo bottiglie di champagne, cognac e di vino poste nelle stive delle piccole navi mercantili svedesi affondate dai tedeschi durante la prima guerra mondiale. Ma nel mese di giugno abbiamo raccolto questa immagine con il nostro sonar nel corso di un sondaggio del fondale. Non ho mai visto niente di simile, nonostante abbia visulizzato centinaia di immagini sonar”.

ufo-fondo-mar-baltico-sonar.jpg

A parlare è Peter Lindberg, capo di questo gruppo di cacciatori di tesori: “In questo lavoro si vedono un sacco di cose strane – continua Lindberg – ma mai, durante i miei 18 anni da professionista, ho visto qualcosa del genere. L’oggetto è insolitamente sferico”. Effettivamente la particolarità dell’oggetto è proprio nella sua innaturale sfericità. I cybernauti più smalizziati hanno visto una somiglianza con una delle astronavi che appaiono nei film della sada di Star Wars, il Millennium Falcon. Chissà se sono stati gli alieni ad ispirarsi al design delle astronavi della saga di fantascienza, oppure se George Lucas è in possesso di materiale extraterrestre altamente TOP-SECRET!

ufo-mar-baltico-millnnium-falcon-star-wars.jpg

L’oggetto in questione giace sul fondale del Mar Baltico ad una profondità di circa 300 piedi (circa 90 metri). Secondo le letture del sonar di bordo, ha un diametro di 60 piedi (circa 18 metri) e risulterebbe essere di metallo. Ma ciò che è attorno all’oggetto risulta essere più interessante dell’oggetto stesso, infatti, è possibile notare una lunga scia scura che non somiglia affatto ai fondali vicini. Questa lunga cicatrice farebbe pensare che l’oggetto, prima di schiantarsi sul fondo del mare e fermarsi nella pozione attuale, avrebbe lasciato una questa lunga traccia dovuta alla elevata velocità.

ufo-mar-baltico-precipitato.jpg

Sono in molti a credere che l’oggetto in questione sarebbe un disco volante precipitato anticamente nel Mar Baltico. Questo potrebbe generare un nuovo caso Roswell in salsa svedese, con continue conferme da parte di ricercatori indipendenti e continue smentite da parte delle autorità competenti. Insomma, la solita pantomima. La vera sfida sarebbe quella mandare qualcosa o qualcuno direttamente sul fondo per capire di cosa si tratta, ma al momento una spedizione del genere sarebbe troppo costosa.

“Andare a verificare la natura di questo insolito oggetto sarebbe per noi troppo dispendioso – afferma Lindberg – il costo per ogni ora di immersione è enorme. Non possiamo permetterci di sperperare le poche risorse solo per dare uno sguardo, neanche se si trattasse di una nuova Stonehenge delle profondità marine”.

In verità, non è la prima volta che si scopre qualcosa di insolito sul fondo dell’oceano, come nel caso della cosiddetta “Bimini Road“, una formazione rocciosa scoperta nei fondali dei Caraibi e che ricorda la pavimentazione di una strada o un muro. Molti ricercatori indipendenti hanno fatto notare che la forma delle rocce risulta troppo sagomata per essere di origine naturale e che probabilmente si tratta di vestigia dell’antica civiltà atlantidea. I geologi “ufficiali”, da parte loro, hanno confermato la forma inusuale delle roccie, ma hanno anche ribadido che si tratta di blocchi di origine perfettamente naturale (e cosa altro potevano dire?).

bimini-muro-strada.jpg

Ma anche se non si riuscisse ad organizzare una spedizione di ricerca, è possibile provare ad avanzare qualche ipotesi sulla natura di questo misterioso oggetto?

1) Un cratere di origine vulcanica

Non è raro che un vulcano sottomarino generi formazioni di tipo circolare, come nel caso del Biloxi Dome situato nel Golfo del Messico o di altre formazioni simili non sommerse; l’oggetto misterioso del Mar Baltico potrebbe semplicemente essere il cratere di un antico vulcano sottomarino.

biloxi-dome-mar-baltico.jpg

2) Un cratere da impatto

Nel corso di centinaia di milioni di anni, il nostro pianeta è stato colpito più volte da asteroidi vaganti nello spazio. Il più famoso di tutii, dicono gli scienziati, ha colpito il nostro pianeta 65 milioni di anni fa, cancellando i dinosauri dalla superficie del pianeta. L’oggetto del Mar Baltico potrebbe essere la “cicatrice” di un antico impatto di un asteroide con la Terra?

cratere-da-impatto.jpg

3) Un monumento megalitico tipo Stonehenge

Potrebbe trattarsi di un antico tempio astronomico pre-diluviano simile a quello famoso di Stonehenge? Se sì, si tratterebbe di una costruzione più piccola (Stonehenge ha un diametro di circa 100 metri) e sarebbe la prova che una parte delle terre sommerse del nostro pianeta, in un passato neanche troppo remoto erano asciutte. Potrebbe avere a che fare con la civiltà globale di Atlantide?

schema-di-stonehenge.jpg

4) Un’astronave aliena precipitata

Per quanto improbabile, non è un’ipotesi impossibile. Ammesso che non siamo soli nell’universo, ammesso che civiltà extraterrestri abbiamo trovato il modo di viaggiare nello spazio a velocità superiori di quelle della luce, ammesso che queste civiltà visitino, esplorino e studino il nostro pianata, è possibile che l’oggetto sul fondo del Mar Baltico sia un velivolo alieno vittima di uno sfortunato incidente.

ufo-in-fondo-all-oceano.jpg

5) Un’astronave aliena parcheggiata

Potrebbe anche essere che gli occupanti del velivolo abbiano parcheggiato volutamente la loro astronave in un luogo che ritenevano sicuro da occhi indiscreti. Ma come si sa, gli umani l’esplorazione ce l’hanno nel DNA e mai avrebbero rinunciato ad una scoperta così sicculenta! Questa ipotesi è suffragata da un fenomeno visto sul nostro pianeta qualche tempo fa: i famigerati cerchi nel ghiaccio che qualcuno attribuisce alle radiazioni emanate da dischi volanti parcheggiati nelle profondita del Lago Baikal in Siberia (il Lago Baikal conserva questi e ben altri misteri come prossimamente pubblicheremo).

cerchio-nel-ghiaccio-lago-baikal.jpg

Fonte: http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2011/08/08/ufo-sul-fondo-del-mar-baltico-alcune-ipotesi.html

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...